Seleziona una pagina

Blockchain per il rientro al lavoro

I recenti provvedimenti governativi prevedono che alcune attività, indicate attraverso codice ATECO, possano riprendere la propria operatività.

È chiara la necessità per il Paese di ripartire e salvaguardare il mercato dell’occupazione. Tuttavia è altrettanto necessario avere una chiara strategia per salvaguardare il diritto alla salute dei lavoratori.

Nelle prossime fasi di recupero dalla pandemia, per accedere agli uffici e poter circolare liberamente, i cittadini  dovrebbero poter esibire a terzi (datori di lavoro/ responsabili della sicurezza/forze dell’ordine) un certificato di salute rilasciato da entità riconosciute.

La tecnologia Blockchain, garantendo l’immutabilità dei registri, la trasparenza delle operazioni, la tracciabilità delle transazioni ed offrendo dati in forma pseudo-anonima, con la sicurezza propria della crittografia, risulta essere la soluzione idonea a trattare il dato sanitario per queste finalità.

trasparenza, pubblicità, tracciabilità e sicurezza

Autenticazione e condivisione in forma pseudo anonima di informazioni sanitarie.

L’uso della tecnologia blockchain per la memorizzazione di un documento informatico è previsto nel nostro ordinamento con  la promulgazione del D.L. 135.2018, che ne riconosce gli effetti giuridici della validazione temporale elettronica.

TRASPARENZA

Grazie alla blockchain ogni dato relativo ai documenti sanitari rilasciati può essere verificato e monitorato in modo autonomo da tutti i soggetti interessati (datori di lavoro, responsabili della sicurezza, addetti ai controlli).

pubblicità

Grazie alla blockchain gli operatori sanitari possono dimostrare a terzi di essere il soggetto che ha salvato un documento, mostrando pubblicamente alcuni metadati (chiave pubblica del borsellino) all’interno del proprio sito internet o canali social. La chiave pubblica è lo strumento che abilita l’utente ad essere riconosciuto da terze parti.

TRACCIABILITà

Grazie alla Blockchain le informazioni rilasciate dagli operatori sanitari possono essere validate e verificate, garantendone l’origine e controllandone la movimentazione e la trasformazione.

SICUREZZA

Grazie alla blockchain ogni dato salvato non potrà subire alcuna alterazione o manipolazione da parte di terzi e la sua origine non potrà essere ripudiata (chiave privata del borsellino). La chiave privata è lo strumento che abilità l’utente a firmare le transazioni e dunque rende sicura la registrazione.

DEDIT – LA NOSTRA SOLUZIONE

La notarizzazione su Blockchain facile e veloce.

Dedit Health aiuta operatori sanitari e comuni ad autenticare le informazioni, garantendo allo stesso tempo prove dell’esistenza e validità dei certificati, mentre i cittadini possono condividere le loro informazioni senza rivelarne il contenuto completo, in forma pseudo anonima.

Dedit fornisce un account ai soggetti certificatori (un borsellino personale) con cui registrano sulla blockchain il dato degli screening, associato univocamente ai cittadini sottoposti ai controlli. La registrazione su blockchain costituirà il “certificato di idoneità” del cittadino. Semplicemente scannerizzando il qr code del certificato, si potrà verificare che i documenti siano quelli originali, non alterati ed emessi dall’Ente. 

 

procedura

Pochi semplici passaggi per rendere sicuro il rientro al lavoro.

Una procedura, smart, semplice e friendly, per riprendere le attività garantendo il diritto alla salute, grazie ad un certificato di idoneità alla circolazione per cittadini negativi al COVID-19 o immunizzati, ed attraverso un sistema gestito per mezzo di processi di notarizzazione e verifica su blockchain permissionless.

SCARICA IL WHITE PAPER

DISPOSIZIONI

 

Art. 2 comma 6 del dpcm 26 Aprile 2020

Le imprese le cui attivita’ non sono sospese rispettano i contenuti del protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro sottoscritto il 24 aprile 2020 fra il Governo e le parti sociali di cui all’allegato 6, nonche’, per i rispettivi ambiti di competenza, il protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID-19 nei cantieri, sottoscritto il 24 aprile 2020 fra il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e le parti sociali, di cui all’allegato 7, e il protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID-19 nel settore del trasporto e della logistica sottoscritto il 20 marzo 2020, di cui all’allegato 8. La mancata attuazione dei protocolli che non assicuri adeguati livelli di protezione determina la sospensione dell’attivita’ fino al ripristino delle condizioni di sicurezza.

ART 8 TER. D.L. 135.2018

La memorizzazzione di un documento informatico attraverso l’uso di tecnologie basate su registri distribuiti produce gli effetti giuridici della validazione temporale elettronica di cui all’art.41 del regolamento UE n°910/2014.

Contattaci 

Scrivici per scoprire di più

Registra ora il tuo interesse, ti contatteremo per fornirti tutte le informazioni e predisporre un’offerta commerciale personalizzata.